Uova di Pasqua ai pazienti pediatrici di Forlì, Cesena, Faenza e Ravenna

L’iniziativa di partnership tra IOR e Assicoop Romagna Futura

Un gesto volto a rafforzare l’ottimismo verso il futuro quello di Assicoop Romagna Futura, da tempo al fianco dell’Istituto Oncologico Romagnolo nelle sue iniziative volte al sostegno della ricerca contro il cancro e dei servizi di assistenza gratuita ai pazienti in difficoltà.

Assicoop Romagna Futura ha voluto donare le uova di Pasqua dello IOR ai piccoli degenti delle Pediatrie di Faenza, Cesena, Forlì e Ravenna, costretti a vivere le festività in reparto.

I dolci sono stati consegnati lunedì 29 marzo, nei reparti.

Dott. Enrico Alessandro Valletta e parte della sua equipe, Maurizio Benelli (A.D. Assicoop Romagna Futura) e Fabrizio Miserocchi (D.G. IOR)

«Si tratta di un gesto molto significativo – spiega il Direttore Generale IOR, Fabrizio Miserocchi – la Pasqua per i più piccoli è da sempre motivo di gioia e spensieratezza, non potevamo permettere al Covid-19 di rubare anche questo momento di normalità ai bambini più in difficoltà.

Abbiamo trovato in Assicoop Romagna Futura un partner che conferma la sua attenzione e la sua sensibilità. Gli siamo molto grati perché, oltre a far felici i bambini in difficoltà, hanno contribuito alla causa della ricerca oncologica: tutto il ricavato andrà infatti a sostegno degli studi più innovativi portati avanti presso l’IRST di Meldola.»

La consegna è stata possibile grazie collaborazione dei Volontari IOR: a Ravenna grazie a Mario Pretolani, Presidente dell’Associazione Volontari e Amici IOR; a Faenza grazie ai Volontari Paolo Gamberini e Mauro Guidi.

«È stata una mattinata molto bella – spiega l’Amministratore Delegato di Assicoop Romagna Futura, Maurizio Benelli – sapere che questa iniziativa farà felici i giovani e giovanissimi degenti delle pediatrie di Cesena, Forlì, Faenza e Ravenna, e al contempo donerà nuove speranze ai pazienti oncologici, è qualcosa che ci riempie di orgoglio ».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin