E Ravenna Festival 2020 c’è!

“S i   p u ò   f a r e !”. 

La sfida di Ravenna Festival in piena pandemia, quando il 28 aprile, nel corso della conferenza stampa, ha consegnato al Ministro della Cultura, Dario Franceschini, il progetto “Musica all’aperto”.

E “Ravenna Festival c’è”,

da domenica 21 giugno, con il concerto diretto dal Maestro Riccardo Muti, che ha aperto il Festival, fino al 30 luglio, con oltre quaranta eventi, per la XXXI edizione.

La rassegna si è spostata all’aperto: alla Rocca Brancaleone di Ravenna, cuore della manifestazione, a Cervia-Milano Marittima, all’Arena dello Stadio dei Pini, appositamente allestita, e a Lugo nel settecentesco Padiglione.

 Assicoop Romagna Futura non poteva non esserci a “Quest’edizione, straordinaria sotto ogni punto di vista”, come l’ha definita il Sovrintendente Antonio De Rosa.

E siccome Ravenna Festival non è solo musica e danza, Assicoop ha voluto sostenere il teatro e il debutto di una nuova produzione.

Due grandi attori pluripremiati: lui è anche il regista; le musiche inedite del famosissimo compositore, due volte premio Oscar; un testo ispirato e scritto nel lockdown: “Ci sono giorni che non accadono mai”, per la nuova coproduzione Ravenna Festival e Festival Puccini, che andrà in scena, prima assoluta,

giovedì 9 luglio, ore 21:30, alla Rocca Brancaleone.

La voluttà della passione, il desiderio fra una donna e un uomo, nell’attualità della pandemia, che Valerio Cappelli affida alle parole, accompagnate dalle note musicali di Ennio Morricone. Ma l’attesa, settimana dopo settimana, diventa atroce: “Ci sono giorni che non accadono mai“.

Le musiche sono di Ennio Morricone e sono inedite. Un omaggio al grande Maestro a pochi giorni dalla morte.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email