Coltiviamo la legalità

Coltiviamo la legalità

Si è svolto lo scorso 15 Marzo presso l’auditorium della Cantina Antinori nel Chianti Classico a San Casciano Val di Pesa (FI)  l’incontro ‘Coltiviamo la legalità’, con un dibattito moderato dal giornalista ANSA Domenico Mugnaini.
Ospiti d’eccezione il procuratore capo della Repubblica di Firenze Giuseppe Creazzo e l’ex questore di Roma e Firenze, Francesco Tagliente che, attraverso l’esperienza sul campo, hanno raccontato i valori della legalità e come può accadere di mettere a repentaglio la propria vita e quella degli altri (alcol, droghe, bullismo, ludopatie ed eccessi negli stili di vita che si accompagnano a comportamenti illegali e socialmente pericolosi).

Interventi all'incontro

Interessante il dibattito che si è creato nell’Auditorium  fra i relatori ed il pubblico, con molte domande sul ruolo delle istituzioni nella nostra società democratica.
L’attore Paolo Hendel ha poi intepretato un brano di Don Ciotti dell’Associazione “Libera”, mentre a portare i saluti della Marchesi Antinori è stato l’ad Renzo Cotarella.  Presente anche il commissario della polizia stradale Andrea Borghi che assieme al Comandante Carmine Tabarro, hanno realizzato una lezione sul controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine.  Interventi all'incontro

Da segnalare anche il Segretario Generale della Fondazione “Artemio Franchi”, Franco Torrini, che ha parlato della trentennale attività sulla promozione e la salvaguardia dell’etica nello sport.

Sono stati consegnati inoltre due riconoscimenti relativi al premio FUTURO GIOVANE, voluto e sostenuto da Assicoop Toscana / UnipolSai. Uno per il lavoro svolto dal 2008 al 2018 dall’Istituto statale d’arte di Firenze al progetto, seguito negli anni dal media partner La Nazione, sui corretti stili di vita e sulla ricerca di sempre nuove forme di comunicazione per diffondere tale messaggio. L’altro riconoscimento è andato a Filippo Bianchi, giovane della Val di Pesa che si è distinto per la sua capacità di affrontare le difficoltà e superare gli ostacoli fisici derivati da un grave incidente: ha saputo infatti valorizzare la sua diversità ed ha brillato in capacità, intelligenza e creatività nel mettersi a disposizione degli altri, in particolare delle persone più fragili, dando vita ad azioni innovative di inclusione sociale e interazione di abilità differenti realizzate e da realizzare soprattutto nello sport. 

A fine mattinata una visita guidata alle innovative Cantine che rappresentano un affascinante e modernissima integrazione di architettura contemporanea nel territorio del Chianti Classico. 

Cantina Antinori Chianti classico Cantina Antinori, bottaia